About

13/09/2013

About.


Intervista allo scrittore Stefano Bartezzaghi

04/09/2013

BartezzaghiSu Libreriamo, il social book magazine per la promozione dei libri e della lettura, un’intervista a Stefano Bartezzaghi, che ieri sera, 3 settembre 2013, è intervenuto a Parolario. In questa sede l’autore ha parlato del suo ultimo libro, “Il falò delle novità”, una riflessione sul concetto della creatività ai tempi dei social network. “La creatività è una scintilla che anima il fondo grigio dell’esistenza” dichiara Bartezzaghi. LEGGI L’INTERVISTA.


Conclusa la decima edizione del Festival della mente di Sarzana

02/09/2013

Festival Mente SarzanaSi è appena concluso il decimo Festival della mente, svoltosi il 30 e 31 agosto e l’1 settembre 2013 nella cittadina ligure. Il primo festival in Europa dedicato alla creatività, progettato e diretto da Giulia Cogoli, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia e dal Comune di Sarzana, ha visto quest’anno completamente esauriti tutti i 90 eventi che hanno animato il centro storico della città. Anche per questa decima edizione è stata caratterizzata da un’affluenza straordinaria e da un’alta qualità del pubblico, che ha dimostrato un forte desiderio di conoscenza seguendo con attenzione e partecipazione gli incontri con alcuni dei più importanti pensatori nazionali e internazionali, a testimoniare la volontà di fruire di un cultura viva e forte, fondata sul dialogo e sulla condivisione. SITO DEL FESTIVAL.


Il disordine stimola la creatività

22/08/2013

Disordine scrivaniaMostrami la scrivania e ti dirò chi sei. O, meglio, come te la cavi al lavoro. Un nuovo studio condotto da Kathleen Vohs della University of Minnesota ha dimostrato che le persone che mantengono ordinata e pulita la propria scrivania al lavoro sono più inclini a essere generose, convenzionali e fedeli a una sana alimentazione mentre chi “affonda” tra i mille oggetti di un desk disordinato allena maggiormente la creatività e stimola la produzione di idee innovative. L’ordine e la pulizia indurrebbero gli altri a essere più buoni: più generosi, meno propensi alle attività criminali, più gentili e, in linea generale, conformi alle aspettative sociali. Caos e disordine avrebbero, invece, altri vantaggi: andare oltre le convenzioni e sfrenare liberamente creatività e intuito. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Psychological Science (da lastampa.it).


Creatività statunitense e know how italiano: il Lightwall di Mark Anderson per Laurameroni Design Collection

01/08/2013

Lightwall di LAURAMERONI_01Mark Anderson è un architetto e designer statunitense che si è trasferito a Milano all’inizio degli anni ’90. Ha collaborato con molte aziende italiane e per una di queste, Laurameroni Design Collection, simbolo del Made in Italy di alta qualità, ha creato il ‘Lightwall’, un prodotto che incorpora architettura, arredamento ed illuminazione. L’idea di base è infatti quella di creare una fusione funzionale tra un pannello decorativo a parete e una lampada, di unire pannelli di rivestimento e illuminazione. Il punto di forza di questo sistema è proprio nella difficile identificazione del carattere: è una lampada o un rivestimento? Laurameroni Design Collection propone sempre un design in cui prevalgono la differenza e l’unicità; il suo claim è  infatti ‘Be different be unique’.


Il libro bianco sulla creatività

11/07/2013

Libro bianco creativitàL’ufficio studi del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha pubblicato (già da qualche anno) un volume ancora oggi interessante, il “Libro bianco sulla creatività”. Il Rapporto sulla creatività e produzione di cultura in Italia, frutto del lavoro di una Commissione ministeriale sulla Creatività e Produzione di Cultura in Italia coordinata dal prof. Walter Santagata, si propone due obiettivi, il primo dei quali è volto a delineare il profilo essenziale di un modello italiano di creatività e produzione culturale, nella convinzione che si debba ritrovare la creatività per aiutare lo sviluppo del Paese e per valorizzarne la posizione nel contesto internazionale; con il secondo obiettivo si vuole offrire un contributo alla conoscenza e definizione del macro-settore delle industrie culturali che per la diffusione, trasversalità e immaterialità di molte sue componenti non ha nel nostro Paese una identità statistica chiara e ben percepita.


Il talento non è indispensabile per la creatività

18/06/2013

Talento creativitàSecondo la Obscure Features Hypothesis (OFH) di Anthony McCaffrey, non esistono cervelli poco creativi ma solo poco allenati. È quindi possibile, con esercizi ad hoc e sviluppando alcune tecniche, arginare e superare gli ostacoli che impediscono alla mente di produrre idee innovative. Lo psicologo cognitivo McCaffrey della University of Massachusetts Amherst sostiene infatti che il momento in cui il cervello produce un’idea geniale non è una prerogativa di pochi talentuosi ma una realtà accessibile a tutti. Al prezzo di un minimo di studio e sacrificio, ovviamente. Le conclusioni dello studio del Center for e-Design delle università di Amherst e Virginia Tech, pubblicate su Psychological Science, sono state raccolte analizzando un centinaio di invenzioni recenti e un migliaio di quelle storiche, cercando di capire in che modo, di volta in volta, gli inventori hanno arginato gli ostacoli che impedivano di raggiungere la meta.