Il festival degli aquiloni nel cielo di Trapani

28/05/2009

Si è popolato di figure e colori il cielo della spiaggia di San Vito, a Trapani, in occasione del Festival internazionale degli aquiloni che ha portato in Sicilia una selezione dei maggiori esperti del settore. Vento, sole e creatività per la manifestazione “Emozioni a naso in sù” che si tiene per la prima volta a Trapani.aquiloni

Annunci

Designati i vincitori del Progetto Creatività, Innovazione e Mercato della LIUC

28/05/2009

LIUCCon il patrocinio e l’organizzazione della LIUC diverse scuole superiori locali hanno offerto una valida dimostrazione di attenzione al mondo reale. Ideazione, progettazione, sviluppo e lancio commerciale di un nuovo prodotto o servizio sul mercato sono infatti gli obiettivi del Progetto Creatività, Innovazione e Mercato promosso dall’Università Carlo Cattaneo e rivolto agli studenti del IV anno degli istituti superiori. Vincitori di questa edizione sono risultati gli ii ragazzi del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Legnano con il progetto Nottebus, un’agenzia di trasporti intenzionata a offrire un servizio notturno durante il weekend tra alcune città dell’area Ovest dell’hinterland milanese e il capoluogo. Il progetto è stato giudicato ben strutturato, ricco di contenuti e molto dettagliato.


Ennio Doris: la creatività per superare la crisi

28/05/2009

doris-ennio1_100x100Anche Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum, ritorna sul concetto di creatività e su come essa sia stata, storicamente, uno “strumento” necessario in momenti difficili del XX secolo: “Le situazioni di difficoltà, come questa crisi, stimolano in maniera enorme la creatività delle persone e specialmente di chi fa impresa. Per esempio in questo modo si è usciti dalle crisi energetiche degli anni ’70, creando negli anni ’80 e ’90 un periodo di sviluppo fortissimo. Le crisi devono essere lette anche come momenti di accellerazione velocissima dell’innovazione la quale porta, grazie alla creatività dell’uomo, a soluzioni nuove”.


Jonathan Ive nominato il numero uno dei creativi

25/05/2009

jonathan_ive_designIl magazine Fast Company ha incoronato Sir Jonathan Ive, Senior Vice President of Industrial Design di Apple, come la persona più creativa nel mondo industriale.
Dal primo iMac all’IPhone, passando naturalmente per l’IPod, il lettore mp3 per eccellenza, Jonathan Ive ha rivoluzionato il design non soltanto di un’intera azienda, bensì di una cultura popolare, riuscendo a “trasformare” singoli oggetti tecnologici in veri e propri simboli sociali.


Una crisi per un ripensamento globale: il “Capitalismo creativo”

21/05/2009

Di Fabrizio Bellavista

In una lettera aperta pubblicata dalla Gates Foundation agli inizi dell’anno, Bill Gates aveva parlato di “Capitalismo creativo” esprimendo la necessità di una riforma profonda del capitalismo globalizzato, in modo che i benefici ricevuti dai due terzi della popolazione mondiale vengano estesi anche all’ultimo terzo. Ecco e non certo per merito solo di Bill Gates, che ci si presenta l’occasione di innestare il processo creativo a 360°: in questo caso si parla di politica e vision. E’ certo che un ambiente (lo stato) plasmato su un nuovo paradigma di maggior condivisione democratica grazie anche ai nuovi strumenti 2.0 non può che essere da stimolo ad un atteggiamento generale più aperto all’innovazione e alla creatività applicati trasversalmente a tutti i settori.


Conferenza sulla misurazione della creatività, Bruxelles, Belgio

04/05/2009

image0021
Ecco un tema assai dibattuto in molteplici sedi e che riguarda da vicino lo sviluppo di una Scienza della Comunicazione sempre più precisa e attenta ad una questione fondamentale: “La creatività può essere misurata?”. La conferenza a Bruxelles cercherà di approdondire il concetto di “misurazione della creatività” anche in diversi livelli sociali. L’evento fa parte delle attività organizzate nel quadro dell’anno Europeo di creatività e di innovazione.

http://cordis.europa.eu/fetch?CALLER=EN_PRESS_EVENT&ACTION=D&RCN=30741

http://ipsc.jrc.ec.europa.eu/event.php?event=126


Come si disegna un polo dell’innovazione

04/05/2009

masterplan-00111L’architetto Matteo Poli ha raccontato agli studenti del nuovo corso in “Creativity in organizations and urban settings” come è stato ideato il masterplan per il quartiere Bovisa di Milano. Si parte con il prendere un’area dismessa di 850mila mq nel quartiere Bovisa a Milano e disegnare un masterplan per riprogettarla come polo dell’innovazione e ricerca. Poli ha aggiunto che i modelli di riferimento sono gli “Science park” d’Europa e Usa in cui si realizza la massima integrazione tra laboratori di ricerca ed Università. I punti forti in progetti di questo genere sono: viabilità, approccio ecologico e sostenibilità. Inoltre, precisa Poli: “nel suo insieme è un progetto innovativo e c’è bisogno di comunicarlo per fare sì che non venga vissuto come un progetto imposto dall’alto o ideato da extraterrestri. Bisogna creare consenso intorno a questi progetti di riqualificazione, discutendo di sviluppo urbano”.

http://www.viasarfatti25.unibocconi.it/notizia.php?idArt=2224