Una crisi per un ripensamento globale: il “Capitalismo creativo”

Di Fabrizio Bellavista

In una lettera aperta pubblicata dalla Gates Foundation agli inizi dell’anno, Bill Gates aveva parlato di “Capitalismo creativo” esprimendo la necessità di una riforma profonda del capitalismo globalizzato, in modo che i benefici ricevuti dai due terzi della popolazione mondiale vengano estesi anche all’ultimo terzo. Ecco e non certo per merito solo di Bill Gates, che ci si presenta l’occasione di innestare il processo creativo a 360°: in questo caso si parla di politica e vision. E’ certo che un ambiente (lo stato) plasmato su un nuovo paradigma di maggior condivisione democratica grazie anche ai nuovi strumenti 2.0 non può che essere da stimolo ad un atteggiamento generale più aperto all’innovazione e alla creatività applicati trasversalmente a tutti i settori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: